un progetto Rebel Alliance Empowering\Artecnologia |  © 2007/2017 (reg. SIAE 2014000747-12/03/2014 e succesive integrazioni)

info@napoliade.it

Cultural PLACEMENT

Per Cultural Placement si intende ogni attività tesa alla comunicazione e la promozione dei Valori propri dei Patrimoni Culturali Immateriali (Intangible Cultural Heritage -ICH) che caratterizzano un luogo, una regione o una nazione in cui si sono sviluppate quelle forme di Cultura che attengono le popolazioni che vivono una determinata area geografica.

      

Il Cultural Placement viene inserito nel quadro di riferimento della Convenzione del 2003 promossa dall'UNESCO,  tesa alla salvaguardia dei Patrimoni Culturali Immateriali. La Convenzione  UNESCO sull'Intagible Culturale Heritage del 2003,  propone cinque "settori" di massima in cui si evidenzia  il Patrimonio Culturale Immateriale:

  • Le Tradizioni e le Espressioni orali, ivi compreso il linguaggio come veicolo del Patrimonio Culturale Immateriale;

  • Le Arti dello spettacolo;

  • Le Pratiche Sociali, i Riti e le Manifestazioni festive (e Religiose);

  • Le Conoscenze e le pratiche concernenti la Natura e l'Universo;

  • L’Artigianato tradizionale.

 

I Domini del Patrimonio Culturale Immateriale © UNESCO

Le istanze di patrimonio culturale immateriale non sono limitati a una singola manifestazione e molti includono elementi provenienti da più domini. Prendiamo, per esempio, un rito sciamanico. Questo potrebbe comportare tradizionali di musica e danza, preghiere e canti, vestiti e oggetti sacri, nonché pratiche rituali e cerimoniali e una acuta consapevolezza e la conoscenza del mondo naturale. Allo stesso modo, le feste sono espressioni complesse del patrimonio culturale immateriale che comprendono il canto, la danza, il teatro, le feste, la tradizione orale e la narrazione, le esposizioni di artigianato, sport particolari ed altre forme di divertimento. I confini tra questi domini sono estremamente fluidi e spesso variano da comunità a comunità, quindi tra Culture e Culture. È difficile, se non impossibile, dunque imporre dall’esterno l’uso di rigide categorie. Mentre una Cultura potrebbe vedere il loro versi cantati come una “forma di rituale”, un altra potrebbe interpretarla come una semplice canzone. Allo stesso modo, ciò che una Comunità definisce come 'Teatro', questa potrebbe essere interpretata come una “Danza” in un contesto culturale diverso. Ci sono anche differenze in scala e di scopo: una comunità può fare distinzioni minute tra le variazioni di espressione, un altro gruppo etnico potrebbe considerare tutte le diverse parti di un fenomeno culturale con un unico modulo. Mentre la Convenzione stabilisce un quadro per individuare le forme di “Patrimonio Culturale Immateriale”, l'elenco dei domini che fornisce è destinato ad essere inclusivo piuttosto che esclusivo; dunque il quadro non è necessariamente destinato ad essere  completo. Gli Stati membri possono utilizzare un sistema diverso di classificazione dei Domini. Esiste già un ampio grado di variabilità, con alcune Nazioni che dividono le Manifestazioni dei loro Patrimoni Culturali Immateriali in modo diverso, mentre altri Paesi usano domini molto simili a quelli dichiarati nella Convenzione del 2003, ma con nomi alternativi.  Agli Stati Membri che hanno sottoscritto la Convenzione è consentito di  aggiungere altri Domini, oppure nuove sotto-categorie per i Domini già esistenti. Ciò può comportare che vengano incorporati “sottodomini” già in uso in quei Paesi in cui il Patrimonio Culturale Immateriale è già riconosciuto, tra cui ad esempio: i “Divertimenti folkloristici e i Giochi popolari”, le “Tradizioni Eno-gastronomiche”, l' “Allevamento di animali”, i “Pellegrinaggi” o i “Luoghi della Memoria”.